Home Biografia Opere Mostre Video e Servizi Commenti e Articoli


Commenti e Articoli

ARTE CONTEMPORANEA

ELPIDIO TRAMONTANO
SCULTORE

Titolo dell’opera “NIKE 2OOO”
Autore: Elpidio Tramontano
Anno: 2000
Materiale: bronzo
Tecnica: fusione a cera persa
Misure: 36x66x36 cm

Con questa sua ultima creazione Elpidio Tramontano trova un punto di approdo del suo lungo viaggio. Un viaggio a ritroso alla ricerca dell’origine della materia aggregatasi nei quattro elementi acqua, aria, terra e fuoco, passato attraverso le cellule primordiali e conclusosi nella forma compiuta. La “Nike 2000” è tutto questo; è energia perenne che come una goccia d’acqua dei mari e dei laghi, con l’aiuto del sole, evaporano. Si trasforma in nube e dalle nubi cade, sotto forma di pioggia, sulla terra in un ciclo evolutivo nel quale sono racchiuse le idee di movimento, di continuità, di fecondazione, d’eterno ritorno. Sul corpo di bronzo della figura si può leggere una sorta di metamorfosi continua che parte dalla base ancora un po’ indefinita e che ricorda delle radici per poi sfociare nella completezza formale del busto, delle ali e del viso. Tramontano nel terzo millennio ha dato un volto alla Nike di Samotracia, restituendo al capolavoro la sua identità o meglio una nuova identità. “Mentre la Nike, questo capolavoro del periodo ellenistico, rappresentava il simbolo della vittoria dei rodesi contro i siriani, - dice Tramontano – oggi vuole essere un messaggio di pace rivolto ad una società fondata sulla cultura e sul rispetto reciproco”. Le braccia della dea della mediazione diventano un tutt’uno con le ali simboleggianti la libertà di pensiero e d’azione che permette ad ogni uomo di vivere in modo universale. Il volto della divinità, i suoi occhi rivolti a qualcosa che trascende la materia è attraversato dalla stessa energia che ha dato origine ad ogni cosa. Questa energia primordiale è inglobata nella scultura sotto forma d’uovo o semi e costituisce l’elemento di continuità che sopravvive alle trasformazioni fisiche esterne per rinascere ogni volta in una nuova forma.

Alessandra Turazza


Indietro